L’ECF è il nuovo strumento di fundraising a disposizione delle Startup e delle Piccole Medie Imprese (PMI) per raccogliere capitali presso una platea di piccoli investitori (crowd )

Si attua tramite una offerta online su portali autorizzati CONSOB di azioni o quote sociali a seguito di un aumento di capitale dedicato

Il nuovo diritto societario permette di configurare in modo molto flessibile le caratteristiche delle nuove quote sociali 



L’ECF PRESENTA NOTEVOLI VANTAGGI RISPETTO AGLI ALTRI STRUMENTI DI FUNDRAISING

perché

– permette di superare l’attuale fase di restrizione del credito bancario (credit crunch)

– consente di finanziare imprese in fase di avvio o per importi di piccolo taglio che sono di scarso interesse da parte di fondi d’investimento, interessati solo ad operazioni di qualche milione di euro

– supplisce alla scarsità in Italia di investitori privati come business angels o venture capitalists

e può addirittura rappresentare un passaggio propedeutico per accedere ad un percorso facilitato di quotazione in borsa

SOGGETTI CHE POSSONO RACCOGLIERE CAPITALI TRAMITE L’ECF

Possono beneficiare dello strumento le Startup ed in generale tutte le PMI, ovvero le società che, in base al loro più recente bilancio, soddisfino almeno due dei seguenti criteri:

– numero di dipendenti inferiore a 250

– totale dello stato patrimoniale non superiore a € 43 milioni

– fatturato netto annuale non superiore a € 50 milioni


L’ECF STA AVENDO FINALMENTE ANCHE IN ITALIA UNO SVILUPPO ESPONENZIALE

perché

– è una valida alternativa al debito bancario e agli altri strumenti di finanza alternativa

è una fonte di finanziamento per chi non ha storia imprenditoriale (startup), non ha un track record di risultati economici positivi, non ha sufficienti garanzie da offrire al sistema bancario

è un metodo per testare preventivamente i propri progetti di fronte ad una platea numerosa e qualificata: il successo di una campagna di ECF è un buon preludio al successo dell’iniziativa imprenditoriale

è un ottimo strumento gratuito di marketing: la campagna di ECF si svolge sui portali autorizzati dalla CONSOB ed è ampiamente pubblicizzata online e sui media tradizionali con una importante ricaduta positiva sul brand

consente un maggior controllo sulla valutazione dell’azienda rispetto al ricorso ad altri strumenti di finanza alternativa (business angels, venture capitalists, fondi)

– consente il mantenimento del controllo dell’azienda che resta saldamente in mano ai soci fondatori (contrariamente a quanto avviene normalmente quando si ricorre a business angels, venture capitalists e fondi)

– attribuisce incentivi fiscali per chi investe nella società “innovative”: per le persone fisiche è consentita una detrazione fiscale ai fini IRPEF pari al 30% dell’importo investito (fino a € 1mln), per le società una deduzione fiscale dai redditi ai fini IRES pari al 30% dell’importo investito (fino a € 1,8 mln)

– una campagna di ECF ha un costo molto contenuto